Curcuiti della chitarra elettrica

1  Principio di funzionamento

Il principio di funzionamento di una chitarra elettrica si basa sulla Legge dell’induzione elettromagnetica di Faraday-Neumann-Lenz, secondo la quale, una bobina in movimento all’interno di un campo magnetico è sede di una tensione proporzionale alla variazione di flusso concatenato alla spira e quindi al movimento stesso della spira.

Ovviamente anche un campo magnetico variabile che si concatena ad spira induce una tensione nella spira stessa.

La chitarra elettrica vuole trasformare una vibrazione (segnale sonoro) in un segnale elettrico per poi aumentarne la potenza attraverso un successivo stadio di amplificazione. La trasformazione della vibrazione provocata dal “pizzicare” della corda è trasformata in un segnale elettrico attraverso i pick-up, che sono i microfoni della chitarra e basano il loro funzionamento sul principio di induzione elettromagnetica.

2  Circuito elettrico equivalente del Pick-up

Il funzionamento dei pick-up è semplice e riassumibile come di seguito descritto: il flusso generato dal gruppo magnetico, viene perturbato dal movimento delle corde e questa azione di disturbo si rivela attraverso il segnale elettrico inviato poi all’amplificatore.

Infatti, la vibrazione della corda modifica le linee di forza del campo magnetico.

Per la Legge di Faraday-Neumann-Lenz, si crea su ogni spira dell’avvolgimento una corrente che varia con la stessa velocità di variazione del flusso, ovvero copia pari pari il suono emesso dalle corde e lo trasforma in corrente.

L= Induttanza R= resistenza C= capacità

Figura 1

Abbiamo quindi creato un segnale in corrente, la quale ha due possibilità di uscita: nel primo caso può andare verso massa attraverso un condensatore (che non fa passare i bassi) e una resistenza variabile che permette di decidere quanti alti vengono mandati verso massa, ovvero non vengono sentiti, oppure va verso l’uscita attraverso una resistenza che determina il volume.

Il numero di giri di fili di rame intorno alla bobina influisce notevolmente sul suono che il pick-up è in grado di produrre. Infatti la potenza sale proprio in relazione al tipo di avvolgimento, anche se troppi avvolgimenti trasformerebbero il pick- up stesso in una calamita che frenerebbe poi la vibrazione delle corde. Solitamente il numero di giri varia dai 7000 agli 8500.

3  Tipologie differenti di pick-up

Esistono due categorie fondamentali di pick-ups:

il pick-up single-coil (singola bobina) e humbucking (doppia bobina).

Il pick.up single coil privilegia la timbrica del suono pur producendo un piccolo rumore di fondo.

La qualità sonora del pick-up a doppia bobina è nettamente diversa da quella di un single- coil: l’humbucking ha un suono più pieno e una minore definizione delle frequenze acute. Inoltre sono praticamente assenti i rumori di fondo.

Proprio per questo motivo, dal momento della loro comparsa (metà anni ‘50), si sono potute creare due tipologie di suono. Il cosiddetto suono “Strato”, caratterizzato dall’uso di un pick-up single-coil, e il suono “Gibson”, dal tipico sound di un humbucking.

Le dimensioni di un pick-up humbucking, essendo a doppia bobina, sono praticamente doppie rispetto ad un comune single-coil.

Il pick-up passivo

Viene riferito al fatto che la generazione del segnale elettrico fatta dal pick-up è pulita, nel senso che non dispone di rinforzi e di controlli (a parte i classici controlli di tono e volume che sono sempre presenti su tutti i modelli, anche se con qualche rarissima eccezione) che ne alterino in qualche modo il segnale .

La pasta del suono in un pick-up passivo è quindi naturale, bella o brutta a seconda del modello ma anche del gusto personale di chi lo utilizza.

Il pick-up attivo

Il pick-up attivo è un trasduttore a bassa impedenza a cui viene affiancato un circuito elettronico detto di preamplificazione, che a seconda dei casi svolge un ruolo differente nel controllo del segnale creato dal campo magnetico del pick-up.

Questo circuito può controllare la dinamica delle frequenze attraverso dei potenziometri, frequenze che il più delle volte sono i medi.

Viene alimentato da una pila (in genere la classica da 9V) e si attiva nel momento stesso in cui viene inserito il jack nella chitarra.

Il pick-up splittabile

La possibilità di suddividere in due le bobine di un pick-up humbucking è stata fonte di un incremento delle varietà sonore del pick-up stesso.

Questo sistema viene utilizzato per dare quindi più suoni allo strumento che monta un humbucking e consiste in un selettore che si interpone tra i pick-up e i controlli della chitarra.

Azionando questo interruttore si ha la possibilità di utilizzare una delle due bobine del pick- up oltre l fatto che si può utilizzare il pick-up nella sua forma standard a doppia bobina.

4  Circuito elettrico di regolazione del segnale: tono e volume

Figura 2

I circuiti di regolazione del tono e del volume sono simili a quello riportato in figura, salvo alcune piccole variazioni che derivano dalle differenti tipologie di chitarra.

Il potenziometro P1 e il condensatore C, servono per la regolazione del tono, ovvero dei suoni alti.

Infatti, il condensatore si comporta come “circuito aperto” alle basse frequenze e come “cortocircuito” alle alte frequenze.

Se il potenziometro P1 è in posizione 1, la resistenza selezionata è nulla e tutti i suoni alti saranno cortocircuitati verso terra. Il suono che si ode avrà una prevalenza di “bassi”.

Per contro, in posizione 2, la resistenza selezionata è massima e solo pochi alti saranno cortocircuitati verso terra. Il suono che si ode avrà una prevalenza di “alti”.

Il potenziometro P2 serve per la regolazione del volume:

  • potenziometro in posizione 1, volume massimo;
  • potenziometro in posizione 2, volume minimo (“non si sente nulla”).

5  Il ruolo dell’amplificatore

La chitarra elettrica richiede un’amplificazione che potenzi il segnale generato dai suoi pick-ups quando viene suonata.

Essa non può essere collegata direttamente all’altoparlante, il cui funzionamento esige una energia ben superiore a quella fornita dai pick-ups.

È pertanto indispensabile utilizzare un amplificatore.

Questo anello della catena elettroacustica impiega energia elettrica proveniente da una fonte esterna (corrente o batterie) e utilizza la tensione del segnale proveniente dalla chitarra per controllare l’invio di tale energia all’altoparlante.

L’amplificatore consente di modificare il tono e il volume e di aggiungere caratteristiche quali la distorsione e il riverbero.

Gli amplificatori possono essere costruiti con due diverse tecnologie: a valvole o transistor. Per il tramite dell’amplificatore il segnale d’ingresso del suono originale può essere riprodotto all’uscita (altoparlante) con grande precisione.

È questo, sostanzialmente, il significato di alta fedeltà.

L’amplificazione HI-FI (alta fedeltà) è una esigenza fondamentale per le chitarre acustiche, i bassi, le tastiere, i fiati e particolarmente la voce umana.

Un amplificatore può essere anche progettato per fornire un arricchimento armonico dei segnali ad esso inviati.

Gli amplificatori combinati con l’altoparlante (o gli altoparlanti) sono detti amplificatori combo.

Sono agevolmente trasportabili e facili da sistemare, ma nei casi di maggiore flessibilità, si preferisce usare amplificatori (testate) separati dalle casse.

I blocchi possono essere messi in pila (cioè uno sopra l’altro) o si può porre l’ amplificatore ad una certa distanza dalle casse per ridurre i rischi di danno da vibrazione.

6  Schema a blocchi di principio dell’amplificatore

Figura 3

Il segnale in uscita dalla chitarra è a bassa potenza, ossia corrente e tensione hanno valori molto bassi: serve pertanto un amplificatore che fornisca “potenza” al segnale fornito dai pick-up, in modo che si possa sentire.

Vi sono differenti tipologie di amplificatori ma generalmente sono costituiti da due stadi di condizionamento del segnale e uno di potenza, come descritto in figura 3. L’amplificatore consente inoltre di regolare in maniera più fine il tono ed il volume e di aggiungere effetti quali ad esempio la “distorsione”.

Per avere alta qualità del segnale in uscita è fondamentale l’alimentatore, in quanto una sotto-alimentazione sminuisce le prestazioni dell’amplificatore stesso.

http://www.samuelemazzolini.altervista.org/Chitarra%20elettrica.pdf



Categorie:M11- Tipi di Chitarre - Strumenti e accessori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

STORIA E SOCIETA' - HISTORY AND SOCIETY

POLITICA/POLITICS - SOCIETA'/SOCIETY- ECONOMIA/ECONOMY - CULTURA/CULTURE

NEODRAMMATURGIA

TEATRO E RICERCA - THEATRE AND RESEARCH

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - SCRITTURE / WRITINGS AND ART WORKS

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: