Antonio De Lisa- Brigante rosso

Rocco Brigante ha un nonno comunista e i capelli rossi e per questo nel paese di Molina lo chiamano Brigante Rosso. Dire “brigante” in Lucania evoca vecchie storie, di guerra e di guerriglia. Il nonno paterno di Rocco ha combattuto, ma su tutt’altro versante, partecipando all’occupazione delle terre negli anni Cinquanta a Montescaglioso, in provincia di Matera. Si trovava lì per aiutare un vecchio parente. E fu lì che divenne comunista. Ma quella è un’altra storia, perché i manifestanti non ritenevano di avere niente a che fare con i briganti borbonici dell’Ottocento.

Rocco Brigante è laureato in Agraria, ma ovviamente e disperatamente disoccupato. Ogni anno spedisce decine di domande negli istituti superiori del potentino, ma senza risultato. Per racimolare qualche soldo fa il panettiere nel forno del nonno materno, che però è un vecchio fascista.

La famiglia di Rocco non si riunisce mai al completo, per via delle contrastanti vedute politiche. La vigilia di Natale la famiglia si riunisce nella casa patriarcale del nonno materno, Peppino Mazza. La mamma di Rocco, Maria Carmela, che è molto devota e ha votato sempre Democrazia Cristiana, ci tiene molto, il padre, Toruccio, molto meno e un po’ si vendica, dando da mangiare al cane tutto quello che trova sulla tavola, cosa vietatissima, perché il cane è diabetico e deve stare a dieta, anche perché è oscenamente obeso. Poi dà anche dei pizzicotti dolorosi al gatto, che però si guarda bene dal passare nei suoi paraggi.

Molina è un paese lucano di 1.200 anime arroccato sul cocuzzolo di una montagna. Il paesaggio è molto bello, ma la via di collegamento è franata e si circola su una sola corsia. Il pullman però non ci passa, i passeggeri debbono scendere e prendere una macchina di noleggio dall’altro lato. L’autista di questa macchina è un vinaio, perciò nell’auto si sente sempre un po’ di odore di vino e spesso i passeggeri scendono un po’ brilli perché attingono con una cannuccia dalla damigiana sistemata nel portabagagli sprovvisto del coperchio superiore.


© Antonio De Lisa 2019- All rights reserved – Tutti i diritti riservati

https://adelisa.me/



Categorie:B15- Bozze - Drafts

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

FILOSOFIA COMPARATA- ORIENTE/OCCIDENTE

Comparative Philosophy – East / West

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

ESTETICA ORGANICA- PER UNA TEORIA DELLE ARTI

ORGANIC AESTHETICS - FOR A THEORY OF THE ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS LIVE

Sonus Online Music Journal

WordPress.com News

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: