Leshiy

Il leshiy (“colui che vive nel bosco”) è il più temibile ma anche il più allegro degli spiritelli. Incredibilmente alto e coperto di pelo come un animale, è il signore di tutte le creature della foresta. Di temperamento inquieto, percorre in continuazione i boschi e fa scherzi ai viandanti distratti, come ad esempio farli smarrire. E per riuscirvi assume spesso le sembianze di un parente che si offre di accompagnare il malcapitato a casa. Tuttavia è possibile accorgersi che il leshiy non è vostro padre né vostro nonno, dal momento che porta i capelli lunghi, ha degli occhi ferali e il indossa immancabilmente qualcosa di vistoso (come un cappello o una cintura di colore rosso). Il leshiy vuole sempre fumare, e non perde mai l’occasione di scroccare tabacco dai passanti. Ama anche divertirsi, ed è capace di assumere le sembianze di un abitante del villaggio pur di partecipare a una festa di paese. È importante però riuscire a scacciarlo per tempo: se si ubriaca e inizia a ballare, infatti, l’intero villaggio verrebbe travolto dall’impeto di questo antico spiritello su di giri.

Per evitare di farsi abbindolare o inseguire da un leshiy si può recitare una preghiera, anche se uno dei rimedi più efficaci consiste nell’imprecare: tutti gli spiriti russi rifuggono dal turpiloquio, ancor più che dalle preghiere. Per mettere in fuga un leshiy si può anche indossare i propri abiti al contrario, o scambiare la scarpa destra con la sinistra. È comunque preferibile evitare del tutto di entrare in contatto con un leshiy, quindi non avventuratevi nella foresta da soli, non litigate, scorrazzate o schiamazzate nei boschi. Soprattutto, non rimanete di notte nelle foreste. E se proprio siete costretti a farlo, non dormite lungo il sentiero. Tutti questi comportamenti, che secondo la tradizione indispongono il leshiy, nascondono in realtà delle precauzioni volte a scongiurare l’incontro con i predatori della foresta. O forse sono proprio questi ad essere rappresentati, cumulativamente, dal personaggio del leshiy? Chissà. Di certo, pochi hanno il coraggio di negare l’esistenza del re delle foreste.

Fonte: https://it.rbth.com/storie/2014/05/14/cosa_resta_delle_divinita_del_passato_30993



Categorie:Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

ESTETICA ORGANICA- PER UNA TEORIA DELLE ARTI

ORGANIC AESTHETICS - FOR A THEORY OF THE ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS LIVE

Sonus Online Music Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: