Maschere rituali e maschere teatrali

Il concetto di maschera (o il suo mistero) nell’Occidente tardo moderno ha ormai diluito fino a perdere del tutto
le originarie connotazioni antropologiche. Il mascherarsi in occasioni festive, in generale, decisamente ha assunto valenze puramente ludiche e, inteso in senso generale, ha finito per richiamare un atteggiamento negativo, di norma collegato all’inganno, al nascondimento dietro un’apparenza altra, alla volontà di fingere per non svelare la propria identità e autenticità. Per contro, se si sceglie di interrogare la maschera nelle sue antiche e originarie funzioni, è possibile riconoscerne aspetti certo ambigui e inquietanti, tuttavia sempre connessi alla sfera spirituale del sacro. Ad eccezione delle grandi religioni di ceppo abramitico, si può verificare come la massima parte delle religioni extraoccidentali abbia sistematicamente riconosciuto nella maschera l’oggetto per eccellenza del manifestarsi del divino (o dell’inferico, comunque oggetto di culto), sia pure in forme anche sensibilmente differenziate.

La stessa maschera teatrale, ben lungi dall’essere un’invenzione artistica in proiezione spettacolare, tradisce sistematicamente le origini cultuali e/o rituali, come dimostrano i casi del teatro attico (inizialmente e per tutto il V secolo a.c. parte integrante delle celebrazioni dedicate a Dioniso), dei teatri orientali (si pensi agli spettacoli dei balinesi o all’indiano Katakali), persino della nostra Commedia dell’Arte, le cui maschere più celebri, a partire da quelle del mitico Arlecchino, mostrano funzioni e attributi rinvianti a personaggi e tradizioni magico-religiose di ascendenza medievale e folclorica.


Gli uccelli. Cratere a campana. V secolo a. C.
Paul Getty Museum, Malibu.


Katakhali (India)

Teatro-danza balinese


La famiglia di Arlecchino, in T. Martinelli, Compositions de Rhétorique,1601, Lyon (Bibliotèque Nationale, Paris).

Lo statuto segnico della maschera

L’alterità (e la conseguente indecifrabilità) della maschera per la cultura occidentale colta si spiega non solo con la fatale evaporazione del “magico” e del “superstizioso” nell’epoca della scienza e della tecnica, ma anche per l’incompatibilità della moderna concezione del segno con funzioni espressivo-comunicative per contro costitutive di altre civiltà e culture. Se per la nostra cultura razionalistica un “segno” è un aliquid che sta pro aliquo, vale a dire qualcosa (un significante) che pur riferendosi a qualcos’altro non ne condivide la natura e la sostanza (la parola o l’immagine significano ma non contengono la cosa cui si riferiscono), per molte altre culture storiche il “segno” può essere il medium che consente al referente di manifestarsi; in proposito lo storico delle religioni Mircea Eliade ha proposto il termine ierofania (dal greco hieros: sacro e phaino : mi manifesto) come tratto costitutivo dell’originario “uomo religioso”, che attraverso i segni produce la possibilità di richiamare la presenza del divino nel mondo, e conseguentemente la sua azione reale. Da questo punto di vista il rito è una sorta di macrosegno che, ben lungi dal limitarsi a rappresentare, pretende di essere una vera e propria azione: un rito di fertilità deve appunto propiziare la fertilità, così come un rito di guarigione deve produrre la guarigione.

E’ in questo quadro concettuale che è necessario ripensare la maschera rituale come segno efficace: essa, dice Kerényi, produce «una relazione tra l’uomo che la porta e l’essere che essa rappresenta» (Miti e misteri, p. 444) stabilendo con ciò una trasformazione unificatrice: il divino permea l’umano, che di conseguenza – e questo è l’aspetto più sconvolgente – ha la facoltà, tramite il segno-maschera, di fare letteralmente esperienza del sacro, di un sacro che lo “abita” e da cui è letteralmente posseduto. Ciò valeva per la maschera greca, di cui quella di Dioniso rappresenta indubbiamente l’emblema più significativo, ma anche per quella medioevale e del connesso folclore, a partire dall’impiego nelle feste d’inizio d’anno a propiziazione della fertilità agraria: qui le maschere non rappresentavano i morti che ritornano, ma, per usare un’efficace espressione di Vernant , li “presentificavano” in tutta la loro forza originaria, caotica e rigenerante. Una presenza che, nel delirio carnevalesco, poteva produrre tutti i suoi effetti proprio grazie allo stato di possessione degli individui mascherati (Vernant, 2001).


Maschera di Dioniso. Lekytos, inizio V secolo a. C. Museo Archeologico Regionale di Palermo.


La fête des foux. Incisione di Bruegel il Vecchio, 1561, British Museum, London.

Maschere apotropaiche


La maschera non necessariamente deve essere indossata da un soggetto: è il caso della maschera apotropaica, che tuttavia continua ad essere un segno permeato dalla presenza agente di forze divine, supere o infere: è il caso della maschera greca di Gorgo, sempre raffigurata di fronte, che incanta e pietrifica chi osa anche soltanto affrontarla con lo sguardo; ed è il caso della maschera apotropaica (greco apotrépo, allontano), dall’aspetto talvolta grottesco, talvolta ghignante, che ha la facoltà di tenere lontani nemici ed intrusi, e che può essere posta a protezione delle stalle, dei campi o delle abitazioni, come possiamo singolarmente verificare nell’alto bergamasco – terra di Zanni e di maschere dell’Arte – dove in un affresco dipinto sopra la scala di ingresso della cosiddetta “casa di Arlecchino” è raffigurato un irsuto “uomo selvaggio” armato del classico nodoso randello con la seguente iscrizione posta sul cartiglio: “Chi non e’ de chortesia, non intragi in chasa mia, se ge venes un poltron, ce daro’ col mio baston”.


Testa di Gorgone. Coppa a figure nere, VI secolo a.C., Musée du Louvre, Paris.


Selvaggio nella casa di Arlecchino.
Oneta a San Giovanni Bianco (Bergamo).

Follia e zoomorfismi


Entrare nel mistero della maschera, farsi servitore di Dioniso, per il greco equivaleva ad abbandonare ogni contegno, lasciarsi riscaldare dal vino, mettersi in comunicazione con un dio polimorfo, maestro di tutti i travestimenti, dolcissimo e spietato, maschile e femminile, giovane e vecchio, umano e animalesco. La maschera ellenica poteva avere attributi del tutto umani, come nel caso molto specifico e circoscritto delle maschere degli attori-eroi che nella tragedia recitavano sulla skené; ma spesso i danzatori nel coro (rappresentanti della comunità in festa) mostravano chiari attributi animali, come nel classico caso dei seguaci di Dioniso per eccellenza, quei satiri di ascendenza ditirambica dotati di coda, zoccoli, e spesso, a far segno alla fertilità maschile, membri in stato di perenne erezione. I tratti dell’animalità e della follia ritornano in chiara connessione anche nelle maschere carnevalesche della tradizione carnevalesca europea, a far segno (efficace) al fatto che la fertilità propiziata attraverso il rito non può che implicare un passo indietro da parte dell’uomo e dei suoi tratti differenzianti nei confronti del resto della natura, a partire da una pratica di liberazione dell’energia cosmica in tutte le sue componenti: umane, ma anche animali e (come dimostrano molti documenti iconografici) vegetali. La figura del Selvaggio, in questa prospettiva, risulta paradigmatica. Nelle sue diverse declinazioni, la maschera del Selvaggio mostra i tratti di un’autentica ibridazione fra l’umano e il non umano, che tuttavia, per la funzione rigeneratrice che produce, acquisisce necessariamente la potenza originaria e primitiva della vita stessa: e nell’esprimere durante l’azione specifica delle festività carnevalesche questa ritrovata alleanza, l’uomo che indossa la maschera si fa letteralmente “selvaggio”, libera il corpo dall’azione cosciente della mente, e con esso il senso orgiastico di una sfrenata condivisione collettiva di ogni sorta di piacere: il cibo, la danza, il vino, il sesso. Il sensibile si insinua fino a superare e a cancellare l’intelligibile, per trovare la sue espressione estrema nella dimensione esperenziale (e in un certo senso “bestiale”) della follia, di quell’inquietante ”insanire” che persino gli antichi romani avevano dovuto in qualche modo legittimare, sia pure e con molte preoccupazioni, “semel in anno”. Tanto che la “stultitia” carnevalesca, così biasimata dalla chiesa medievale che vi riconosceva l’azione corruttrice del diabolico, per secoli e secoli di tradizione popolare e folclorica fu vissuta dalle masse degli “aratores”, secondo un’espressione di Gaignebet e di Camporesi, come un’autentica “religio”, come espressione della potenza esaltante ed irrazionale del sacro. Non deve pertanto stupire che nel Medioevo, legittimato persino nelle corti più blasonate, il buffone, con i suoi attributi animali (il coquelochon con le orecchie d’asino, piumaggi o creste di gallo, spesso deformità fisiche reali o simulate), avesse uno statuto riconosciuto e, a suo modo, riverito e ricercato: la follia, in ultima analisi, come una sorta di capacità di divinazione, come possibilità di vedere dove l’umana ragione non può arrivare.

Entrare nel mistero della maschera, per le culture che l’hanno voluta sperimentare, equivaleva a riconnettersi, nell’oblio della coscienza individuale, al mondo dei morti, all’origine, in ultima istanza al ciclo vitalistico della natura, che del resto mai ha cessato di allignare nelle fibre del corpo, della physis dei suoi adepti; dire di sì a Dioniso o al Carnevale, al loro azzardo e al loro invito seducente e lussurioso, dovette dunque significare,contemporaneamente, perdersi e ritrovarsi, fino a trasformarsi, morire e rifiorire.


Dioniso con Satiro e Menade. VI secolo a. C.. Museo Nazionale, Atene.


Selvaggio. Particolare di scanno, 1509, Cattedrale Saint-Tugdual,Tréguier.


Allegoria della follia. Q. Metsys, 1510 ca. Collezione privata.

BIBLIOGRAFIA

Basford, Kathleen. The Green man, Cambridge: D. S. Brewer, 1978.

Boas, Franz. L’organizzazione sociale e le società segrete degli indiani Kwakiutl. Roma:CISU, 2001 (ed. orig. “The Social Organization and the Secret Societes of the Kwakiutl Indians”, Report of National Museum for 1895, Washington, 1897: pp. 311-738).

Boas, Franz.Kwakiutl Culture as Reflected in Mythology. New York: American Folk-Lore Society, 1935.

Bonnefoy, Yves. Dizionario delle mitologie e delle religioni. Milano: Rizzoli, 1989 (ed. orig. Dictionnaire des mythologies, Paris: Flammarion, 1981).

Borgeaud, Philippe. Recherches sur le dieu Pan. Genève: Institut Suisse de Rome, 1979.

Bowers, Alfred W. Mandan Social and Ceremonial Organization. Chicago: University og Chicago Press, 1950.

Brosse, Jacques. Mitologia degli alberi. Milano: Rizzoli, 1991 (ed. orig. Mythologie des arbres. Paris: Plon, 1989).

Brunner, Bernd. Uomini e orsi. Una breve storia. Torino: Bollati Boringhieri, 2010 (ed. orig. Bears A Brief History.New Haven- London: Yale University Press, 2007).

Burat, Tavo. “L’Òm Sarvaj”, Ij Brandé: Armanach ëd poesìa piemontèisa, 1978, pp.3-15.

Burn, Lucilla. Miti greci. Milano: Mondadori, 1995 (ed. orig. Greek Myths. London: British Museum Press, 1993).

Caillois Roger. I demoni meridiani. Torino: Bollati Boringhieri, 1988.

Cardini, Franco. Il cerchio sacro dell’anno. Il libro delle feste. Rimini: il Cerchio, 1995.

Cavendish, Richard (a cura di). Mitologia e Religioni. Novara: Istituto Geografico De Agostini, 1980 (ed. orig. Mythology. London: Orbis, 1980).

Centini, Massimo. L’Uomo selvaggio. Antropologia di un mito della montagna. Ivrea: Priuli e Verlucca, 2000.

Chiavarelli, Emanuela. Diana, Arlecchino e gli spiriti volanti. Dallo sciamanismo alla “caccia selvaggia”. Roma: Bulzoni Editore, 2007.

Comba, Enrico (a cura di). Riti e misteri degli indiani d’America. Torino: Utet, 2003.

Comba, Enrico. Il cerchio della vita. Uomini e animali nell’universo simbolico degli indiani delle pianure. Torino: il Segnalibro, 1999.

Comba, Enrico. “Maschera”, in Enciclopedia delle Scienze sociali, vol.V, Roma: Istituto della Enciclopedia Italiana, 1996, pp. 546-551.

Comba, Enrico. Cannibali e uomini-lupo: metamorfosi rituali dall’America indigena all’Europa antica. Torino: il Segnalibro, 1992.

Curtis, Edward S. Indiani d’America. Köln: Taschen, 2007.

De Mallie, Raymond J. (a cura di). Handbook of North American Indians. Vol. XIII: Plains. Washington: Smithsonian Institution, 2001.

Dorcey, Peter F. The Cult of Silvanus. A Study in Roman Folk Religion. Leiden: E. J. Brill, 1992.

Dowden, Ken. La vergine e la morte. L’Iniziazione femminile nella mitologia greca. Genova: ECIG, 1991 (ed.orig. Death and the Maiden. Girls’ Initiation Rites in Greek Mythology, London: Routledge, 1989).

Dumézil, Georges. La religione romana arcaica. Milano: Rizzoli, 1977 (ed. orig. La religion romaine archaïque. Paris: Payot, 1974).

Edson, Gary. Masks and masking. Faces of tradition and belief worldwide. Jefferson (N.C.) – London: McFarland & Co., 2005.

Eliade, Mircea. Il sacro e il profano. Torino: Bollati Boringhieri, 1984 (ed.orig. Le sacré et le profane. Paris: Gallimard, 1965).

Eliot, Alexander (a cura di). L’universo fantastico dei miti. Milano: Mondadori, 1977 (ed. orig. Myths. New York: McGraw-Hill, 1976).

Fischer-Hansen, Tobias e Poulsen, Birte (a cura di). From Artemis to Diana. The Goddess of Man and Beast. Copenhagen: Museum Tusculanum Press- University of Copenhagen, 2009.

Frazer, James George. The Golden Bough. A Study in Magic and Religion. 3d ed. 12 voll. London: Macmillan, 1911-15.

Gaignebet, Claude e Lajoux, J.Dominique. Arte profana e religione popolare nel Medio-Evo. Milano: Fabbri, 1986. (ed.orig. Art profane et religion populaire au Moyen Age. Paris: Presses Universitaires de France, 1985).

Gardner, Jane F. Miti romani. Milano: Mondadori, 1995 (ed. orig. Roman Myths. London: British Museum Press,1993).

Gentili, Bruno e Perusino, Franca (a cura di). Le orse di Brauron. Un rituale di iniziazione femminile nel santuario di Artemide. Pisa: ETS, 2002.

Giallongo, Angela. La donna serpente. Storie di un enigma dall’antichità al XXI secolo. Bari: Dedalo, 2012.

Ginzburg, Carlo. I benandanti. Stregoneria e culti agrari tra Cinquecento e Seicento, Torino, Einaudi, 1966.

Ginzburg, Carlo. Storia notturna. Una decifrazione del sabba. Torino: Giulio Einaudi editore, 1989.

Griaule, Marcel. Masques dogons. Paris: Institut d’Ethnologie, 1938.

Grimal, Pierre. Enciclopedia dei miti. Brescia: Paideia, 1987 (ed. orig. Dictionnaire de la mitologie grecque et romaine, Paris: Presses Universitaires de France, 1979).

Grimm, Jacob. Teutonic Mythology, London: George Bell & Sons, 1882.

Guidorizzi, Giulio. Ai confini dell’ anima. I greci e la follia. Milano: Raffaello Cortina, 2010.

Hallowell, A. Irving. “Bear Ceremonialism in the Northern Hemisphere”, American Anthropologist, vol. 28, n.1: pp.1 -175.

Halpin, Marjorie e Ames, Michael M. ( a cura di). Manlike Monsters on Trial. Early records and modern evidence. Vancouver, London: University of British Columbia Press, 1980.

Hämäläinen, Riku. Bear shields of Plains Indians. Motifs and Meanings,Wyk (Germany): Tatanka Press, 2011.

Heers, Jacques. Le feste dei folli. Napoli : Guida, 1990 (ed. orig. Fêtes des fous et Carnavals. Paris :Librairie Arthème Fayard Paris, 1983).

Hell, Bertrand. Le sang noir. Chasse et mythe du Sauvage en Europe. Paris: Flammarion, 1994.

Hell, Bertrand (a cura di). Le Maîtres du désordre. Paris: Musée du Quai Branly, 2012.

Hillman, James. Saggio su Pan. Milano: Adelphi edizioni,1977 (ed. orig. Pan and the nightmare
New York: Spring Publications, 1972).

Honko, L. – Timonen, S. – Branch, M. The Great Bear. A Thematic Anthology of Oral Poetry in the Finno-Ugrian Languages. Helsinki: Finnish Literature Society, 1993.

Husband, Timothy. The wild man : Medieval myth and symbolism. Catalogue of an exhibition held at the Cloisters, New York: Metropolitan Museum of Art, 1980.

Ingold, Tim (a cura di). What is an animal? London- New York: Routledge, 1994.

Issartel, Guillaume. La geste de l’ours. L’épopée romane dans son contexte mythologique XIIe – XIVe siècle. Paris: Honoré Champion, 2010.

Kerényi, Karoly. Dioniso: archetipo della vita indistruttibile. Milano, Adelphi, 1992 (ed. orig. Dionysos: Urbild des unzerstörbaren Lebens. München : Langen Müller, 1976).

Kerényi, Károly. Gli Dei e gli Eroi della Grecia, 2 voll., Milano: Garzanti, 1976.
(ed. orig. Die Mythologie der Griechen: die Götter- und Menschheitsgeschichten. Zürich: Rhein-Verlag, 1951; Vol. 2: Die Heroen der Griechen : Die Heroengeschichten der griechischen Mythologie. Zürich, Rhein-Verlag, 1958).

Kerényi, Karoly. Miti e misteri. Torino: Bollati Boringhieri, 2000.

Lajoux, Jean-Dominique. L’homme e l’ours. Grenoble: Glénat, 1996.

Lanza, Diego. Lo stolto: di Socrate, Eulenspiegel, Pinocchio e altri trasgressori del senso comune. Torino, Einaudi, 1997.

Laubin, Reginald e Laubin, Gladys. Indian Dances of North America: Their Importance to Indian Life, Norman: University of Oklahoma Press, 1989.

Le Goff, Jacques. Il meraviglioso e il quotidiano nell’Occidente medievale. Bari: Laterza,1988.

Le Goff, Jacques. La nascita del purgatorio. Torino : Einaudi, 2006 ( ed. orig. La naissance du Purgatore. Paris: Gallimard, 1981).

Le Goff, Jacques. Tempo della Chiesa e tempo del mercante. E altri saggi sul lavoro e la cultura nel Medioevo. Torino: Einaudi, 2000.

Lecco, Margherita. Ricerche sul Roman de Fauvel. Alessandria: Edizioni dell’Orso, 1994.

Lévi-Strauss, Claude. La via delle maschere.Torino: Einaudi, 1985 (ed.orig. La voie des masques. Paris: Plon, 1979).

Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, vol. III/1, Zürich- München: Artemis Verlag, 1986.

Mannhardt, Wilhelm. Wald- und feldkulte. 2 voll. Berlin: Gebrüder Borntraeger, 1875-77.

Map, Walter. De Nugis Curialium. Trad. it. di F. Latella, Parma: Pratiche, 1990.

Miles, Clement A. Christmas Customs and Traditions, their history and significance. London: T. Fisher Unwin, 1912.

Moore, Robert J. Indiani d’America. L’arte e i viaggi di Charles Bird King, George Catlin e Karl Bodmer. Vercelli: White Star, 1997.

Murray, Margaret A. Il Dio delle streghe. Roma:Ubaldini, 1972 (ed. orig. The god of the witches. London: S. Low, Marston & co., 1933).

Napier, D. Masks, transformation and paradox. Berkeley: University of California Press, 1986.

Pastoreau, Michel. L’orso. Storia di un re decaduto. Torino: Einaudi, 2008 (ed. orig. L’ours. Histoire d’un roi déchu. Paris:Édition de Seuil, 2007).

Patou-Mathis, Marylène. Le Sauvage et le préhistorique, Miroir de l’homme occidental. Paris: Odile Jacob, 2011.

Pentikäinen, Juha. Golden King of the Forest. The Lore of the Northern Bear.Helsinki:Etnika Oy, 2007.

Pentikäinen, Juha e Le Foulon, Marie-Laure. L’Ours, le grand esprit du Nord.Paris: Larousse, 2010.

Pizzorno, Alessandro. Sulla maschera. Bologna: il Mulino, 2008.

Plazio, Giancarlo. La cera, il latte, l’uomo dei boschi. Mitologia e realtà sociale in una comunità prealpina. Torino: Giappichelli, 1979.

Porteous, Alexander. The Forest in Folklore and Mythology. New York: Macmillan, 1928.

Premoli, Beatrice (a cura di). L’Uomo Selvatico in Italia. Roma: Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari, 1986.

Prieur, Jean. Gli animali sacri nell’antichità. Arte e religione nel mondo mediterraneo. Genova:ECIG, 1991 (ed. orig. Les animaux sacrés dans l’Antiquité. Art et religion du monde méditerranéen. Paris: Ouest France, 1988).

Rockwell, David. Giving voice to bear. North American Indian Rituals, Myths, and Images of the Bear, Niwot (Col.):Robert Rinehart,1991.

Roselli, Maria Gloria (a cura di). Orsi e Sciamani. Bears and shamans. Firenze: EDIFIR, 2007.

Sabbatucci, Dario. La religione di Roma antica. Dal calendario festivo all’ordine cosmico. Milano: il Saggiatore, 1988.

Savage, Candace. Orsi grizzly. Milano: Geo, 1991(ed.orig. Grizzly Bears. San Francisco : Sierra Club Books, 1990).

Schmitt, Jean Claude, Religione, folklore e società nell’Occidente medievale. Roma-Bari: Laterza, 1988.

Schmitt, Jean Claude. Spiriti e fantasmi nella società medievale, Roma- Bari, Laterza, 1995 (ed. orig. Les revenants, le vivants et les morts dans la société médiévale. Paris: Gallimard, 1984).

Sighinolfi, Christian. I guerrieri-lupo nell’Europa arcaica. Aspetti della funzione guerriera e metamorfosi rituali presso gli indoeuropei. Rimini: il Cerchio, 2004.

Spagna, Francesco. L’ospite selvaggio. Esperienze visionarie e simboli dell’orso nelle tradizioni native americane e circumboreali. Torino: Il Segnalibro, 1998.

Taylor, Colin F. Catlin’s O-kee-pa. Mandan culture and ceremonial: the George Catlin O-kee-pa manuscript in the British Museum. Wyk auf Foehr: Verlag für Amerikanistik, 1996.

Taylor, Colin F. e Sturtevant, William C. (a cura di). Indiani d’America. Milano: Idealibri, 1992 (ed. orig. The Native Americans. The Indigenous People of North America. London: Salamander Books, 1991.

Thompson, Stith. La fiaba nella tradizione popolare. Milano: il Saggiatore, 1967. (ed. orig. The Folktale. New York: Holt, Rinehart & Winstone, 1946).

Tinland, Franck. L’homme sauvage. Homo ferus et Homo sylvestris. De l’animal à l’homme. Paris :l’Harmattan, 2003.

Varner, Gary R. Creatures in the Mist. Little people, Wild Men and Spirit Beings around the world. A Study of comparative Mythology. New York: Algora, 2007.

Varner, Gary R. The Mythic Forest, The Green Man and The Spirit of Nature. New York: Algora, 2006.

Varvaro, Alberto. Apparizioni Fantastiche. Tradizioni folcloriche e letteratura nel Medioevo: Walter Map, Bologna, Il Mulino, 1994.

Vernant, Jean-Pierre. Figure, idoli, maschere. Milano: il Saggiatore, 2001 (ed orig. Figures, idoles,masques. Paris: Julliard, 1990).

Willeford, William. Il Fool e il suo scettro. Viaggio nel mondo dei clown, dei buffoni e dei giullari. Bergamo: Moretti& Vitali, 1998.(ed.orig. The fool and his scepter; a study in clowns and jesters and their audience.
Evanston, (Ill.) : Northwestern University Press, 1969).

http://www.selvaggi-america-europa.unito.it/che%20cos%27%E8%20la%20maschera.htm



Categorie:K01- Antropologia della Maschera - Anthropology of Masks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

ANTONIO DE LISA- PITTURA, TECNICHE MISTE E DISEGNI / PAINTINGS, MIXED MEDIA AND DRAWINGS

Pittura - Scultura - Grafica - Mixed Media / Painting - Sculpture - Graphic - Mixed Media

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

STORIOGRAFIA - HISTORIOGRAPHY - HISTORIOGRAPHIE

POLITICA/POLITICS - SOCIETA'/SOCIETY- ECONOMIA/ECONOMY - CULTURA/CULTURE

ANTONIO DE LISA COMPOSER & LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - SITO PILOTA / PILOT SITE / SITE PILOTE

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry - Théâtre Arts Musique Poésie

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: