La Zeza di Mercogliano

Scenetta carnevalesca, di origine campana, cantata al suono del trombone e della gran cassa, la Zeza, compare a Napoli nel seicento, diffondendosi velocemente in tutto il Regno fino a Mercogliano dove nasce agli inizi dell’800. Originariamente veniva rappresentata nei cortili dei palazzi, nelle osterie, nelle piazze, fin quando fu ufficialmente proibita nella seconda metà dell’Ottocento, assumendo così i caratteri di uno spettacolo teatrale messa in scena esclusivamente nel periodo di Carnevale.

La Zeza rappresenta la storia delle nozze di Don Nicola, studente calabrese, e di Tolla (oVincenzella), contrastate dal padre della donna, Pulcinella, che teme di essere disonoratoed è inconsapevolmente geloso e sostenute da sua moglie Zeza, che è di ben altro avviso evuole far divertire la figlia “co mmilorde, signure o co l’abbate”; Pulcinella sorprende gli innamorati e reagisce violentemente, ma è punito e piegato da Don Nicola e alla fine sirassegna: “Gnorsì, songo contiento; I Maie cchiù  na parola I Non diciarraggio a lo sì DonNicola. I Non parìo pe cient’anne, I Songo cecato e muto, I Starraggio ‘n casa comm’a nopaputo”.

Alla Zeza partecipano solo uomini che rappresentano anche le parti femminili erano perché in passato le donne non potevano essere esposte alla pubblica rappresentazione. Nel 1971 la Zeza di Mercogliano fu conosciuta a livello internazionale grazie a Pier Paolo Pasolini che, dopo aver assistito ad una rappresentazione della nostra Zeza, la volle inserire come colonna sonora del suo film “Decameron”.  Nel 2004 nasce l’Associazione “La Zeza” di Mercogliano con lo scopo di custodire etramandare la tradizione mercoglianese della Canzone di Zeza e del Ballo Intreccio. Nel 2011 la Zeza di Mercogliano si esibisce al prestigioso Carnevale di Viareggio.

Fonte: http://www.viaggioinirpinia.it/Irpinia/carnevale-in-irpinia/

La canzone di Zeza

Pulcinella: 
Zeza vire ca io mo jesco 
statte attient’a sta figliola, 
tu che sì mamma dalle bona scola.. 
Tienetella ‘nzerrata 
nun la fà prattecare 
ca chella ca nun se sape se pò ‘mparare, 
uè se pò ‘mparare. 


Zeza : 
Nun ce penzare a chesto
marito bellu mio, 
ca a ‘sta figlia me l’aggio ‘mparat’io.. 
I’ sempe le sto a dire 
‘na femmena ‘nnorata 
è cchiù de ‘nu tesoro assai stemmata 
…soro assai stemmata. 


Pulcinella: 
Vuie vedite signori mieie 
a me che me succede 
‘nnant’a sta chiappa ‘e ‘mpesa de mugliera, 
aiere jette a casa 
e stutata stev’a cannela 
n’ommo annascuso sott”o lietto steva. 
Zè!Che ce faceva? 

Zeza: 
Mala Pasca ca te vatta 
dint”a stu bruttu naso, 
chillo era Don Fabrizio ‘o patrone ‘e casa, 
vuleva la mesata 
de lu mese passato
si nun era pe me ive carcerato, 
ive carcerato. 


Pulcinella: 
Sarrà comme tu dice 
io mò me n’aggia ire, 
Vicenzella da ‘sta fenesta fa’ trasire. 
Mugliera stance attienta 
penza ca so’ ‘nnorato 
nun fà ca torno a casa ‘ncurunato. 
Torno ‘ncurunato. 
(Pulcinella va via) 


Zeza: 
Sì pazzo si te cride 
c’aggio ‘a tenè ‘nzerrata 
chella povera figlia sfurtunata! 
La voglio fà scialare 
cu ciento nnammurate 
cu prievete, signure e cu li surdate 
pure cu ‘e surdate!

 
.Vicenzella: 
Oi mamma mà che veco! 
Nn’è chillo Don Nicola? 
Mò proprio sarrà asciuto dalla scola! 
Si chillo me vulesse, 
io me lo spusarria 
e cchiù sotto de tata nun starria. 
Tata nun starria. 


Don Nicola (entrando): 
Bennaie tutto lu munno 
‘stu spantu de biddizza, 
comm’a sumaru io tir”a capizza. 
Pe’ chesta faccia bella 
nun trovo cchiù arricietto, 
de lacreme aggio ‘nfuso tutto lu lietto, 
aggio pisciat”o lietto!

 
Zeza: 
Credite a me zì abbate 
‘sta povera figliola, 
sbarèa sempe quanno stace sola, 
nun penza cchiù a nisciuno

 
Vicenzella: 
Tu m’haje da ‘nguadiare

 
Zeza: 
Si no essa stessa mò se và a scannare! 
Uè se và a scannare.

 
Pulcinella (entrando)
Senza ca tu te scanne 
te faccio io ‘stu servizio. 


Zeza: 
Marì ferma ca vaje ‘mprecepizio! 


Vicenzella: 
Via tata mio perdoname 
cchiù non lo voglio fare. 


Pulcinella: 
A tutt’e tre ve voglio addecreare! 


Zeza e Vicenzella: 
Uè ce vò addecreare! 
Zeza: 
Hai fatto ‘na gran cosa 
tiratella la mano! 


Pulcinella: 
Vattenne zucculona ruffiana… 


Zeza: 
A me…và muore acciso! 


Pulcinella: 
Tu me faie esse ‘mpiso!… 


Zeza: 
Tu che canchero ‘ncapa t’haje miso? 
‘Ncapo t’haje miso! 


Don Nicola: 
Arreto arreto t”o metto 
‘stu piezzo ‘e cacafuoco!… 
Cu Don Nicola haje fatto malu juoco! 


Pulcinella: 
Pietà,misericordia! 
Io aggio pazziato.. 


Zeza: 
Vì comme tremma mò ‘stu sciaurato! 
Sciù..pe’ chi t’è nato!… 


(Don Nicola spara tra le gambe di Pulcinella) 


Vicenzella: 
Si tu me vuò bene 
nun m’accider’a tata, 
nun me tene ‘a mente ‘sta jurnata! 


Don Nicola: 
La voglio pe’ muglieri. 
Che dici?…Sei contenti? 


Zeza: 
Rispunne ‘nzallanuto…. nun lo senti? 
..nuto nun lo senti? 


Pulcinella: 
Gnorsì songo contento, 
maie cchiù io ‘na parola 
m’hanna cecà si ‘a dico a don Nicola!…. 
Ma vuie signori mieie 
nun ve ‘nzurate maie, 
pecchè cu ‘na mogliera passate ‘nu guaio!… 
Passate ‘nu guaio! 


Zeza: 
Via dateve la mano 
puzzate godè ‘ncocchia!.. 


Pulcinella: 
Uno ne cade e n’ato ne sconocchia!… 


Vicenzella: 
Maritu bello mio! 


Don Nicola: 
Mugliera de stu core…. 


Zeza: 
Tutte faccia godè Copint’ammore!… 
Dè Copint’ammore! 


Fronne e tammurriate: 
Ih quante me ne fa’ chesta ccà abbascio, 
vò marita’ la figlia e port”a pressa… 
E và dicenno ca tene li ccasce, 
dinto ce tene ‘e caccavelle ‘e Sessa….. 
Carnevale và e vene 
nuje ce ne jammo e nun venimmo cchiù… 
Ih!..gioia soia…. 
Chella vecchia ruffiana s’è arrubbata ‘a quatturana, 
ì’ pe’ ce ‘a fà vedè, ce ‘a riett’ ‘mmano 
Ih!…gioia soia



Categorie:K07- Maschere dell'Italia centro-meridionale - Masks of southern Italy, K07.2- Campania

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

ANTONIO DE LISA- PITTURA, TECNICHE MISTE E DISEGNI / PAINTINGS, MIXED MEDIA AND DRAWINGS

Pittura - Scultura - Grafica - Mixed Media / Painting - Sculpture - Graphic - Mixed Media

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

STORIOGRAFIA - HISTORIOGRAPHY - HISTORIOGRAPHIE

POLITICA/POLITICS - SOCIETA'/SOCIETY- ECONOMIA/ECONOMY - CULTURA/CULTURE

ANTONIO DE LISA COMPOSER & LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - SITO PILOTA / PILOT SITE / SITE PILOTE

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry - Théâtre Arts Musique Poésie

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: