Bylina – Il canto epico russo

Bylina – Il canto epico russo

Canto epico russo di origine popolare. Inizialmente diffuse in tutte le regioni russe, le byliny si sono trasmesse per via orale; “cantori” (skaziteli) di byliny si possono incontrare ancora nella Russia settentrionale. Le byliny venivano cantate, con accompagnamento musicale, in particolari occasioni che comportavano attività collettive (pesca, taglio del bosco, ecc.). Il vocabolo bylina, derivante dalla radice del verbo byti (essere), vuol dire “fatti accaduti” ed è di origine dotta; le denominazioni popolari sono stariny, starinki, starinuški, connesse con staryi (vecchio), e significano “antiche storie”. Le byliny risalgono a un periodo compreso tra il sec. XI e il XVI (ma la prima raccolta, eseguita da K. Danilov, è del sec. XVIII), e forse alcune a un’età più remota; sono trasposizioni di vicende reali e di fatti storici in un’atmosfera fiabesca. Le byliny vengono di solito distinte in tre cicli classici, ciclo primitivo, ciclo di Kijev (incentrato sul principe Vladimiro I, Ilja Muromec, Dobrynja Nikitič, Alëša Popovič) e ciclo di Novgorod (imperniato sulle figure di Sadko e di Vasilij Buslaev). A essi si sono aggiunti, in tempi più recenti, altri cicli: ciclo di Mosca (centro della resistenza e della riscossa antimongolica), ciclo di Pietro il Grande, ecc. Protagonisti delle byliny sono i bogatyri (eroi), che si battono contro i nemici della società cui appartengono o contro gli avversari della terra russa. (http://www.sapere.it/enciclopedia/bylina.html).

Il´ja Muromec Eroe dei canti popolari epici russi (byliny) del ciclo di Kiev. È il più famoso e il più popolare degli eroi (bogatyri) che vi sono cantati, interpretato da alcuni studiosi come la personificazione del ‘dio tonante’, da altri come quella del popolo russo che ne ha fatto il suo eroe. Si rilevano nella sua figura punti di contatto con l’epica scandinava, germanica, celtica, slavo-meridionale, persiana e caucasica.

Kirša Danilovk’ìršë dan’ìlëf›. – Presunto autore della prima raccolta di canti popolari russi (in russo byliny). La raccolta, edita per la prima volta nel 1804, è nota sotto il titolo della seconda più completa edizione del 1818: Drevnie rossijskie stichotvorenija sobrannye Kiršej Danilovym (“Antichi canti russi raccolti da K. D.”). La pubblicazine segnò la nascita dell’interesse per la poesia popolare epica russa.

 



Categorie:R06- Filologia slava - Филология славы, R07- Letteratura russa antica - Русская литература, Uncategorized

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

NEODRAMMATURGIA

TEATRO E RICERCA - THEATRE AND RESEARCH

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - SCRITTURE / WRITINGS

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: