Imprimitura (Mestica)

L’imprimitura, detta anche mestica o anche imprimatura (secondo l’uso inglese), è la preparazione del supporto pittorico, consiste nel primo strato di materia che viene applicato al fondo grezzo, sia esso tela, tavola, carta o altro, prima di dipingervi.

Tale preparazione ha una grande importanza, poiché essa può determinare la resistenza, la durata e la resa pittorica del dipinto. Non va confusa con quello che, nel linguaggio pittorico, viene definito abbozzo o preparazione di un quadro, che è una fase dell’esecuzione del dipinto e non della finitura del supporto.

L’imprimitura si presenta come uno strato uniforme che ha la duplice funzione di isolare il supporto dalla pittura e di regolare la saturazione dei leganti (ad esempio l’olio). Tradizionalmente l’imprimitura si ottiene con diverse ricette a base di colle varie (di coniglio, di farina, di caseina) unite a gesso, bianco di piombo, bianco di Spagna, a uovo, a miele, a olio di lino variando gli elementi e i dosaggi secondo la tecnica che verrà adottata per l’esecuzione dell’opera (diverse sono ad esempio le imprimiture grasse, adatte alla pittura a olio e quelle magre, adatte alla tempera).

Frequenti nella pittura antica sono le imprimiture a base di terre, come nella pittura veneziana e spagnola (terra di Siviglia), nonché a base di bolo rosso. Anticamente si usavano anche particolari imprimiture nere, ottenute con grafite o nero di vite. Il termine deriva dall’italiano e letteralmente significa “primo strato”. Le sue origini come strato di fondo risalgono agli usi tecnici tramandati dalle Corporazioni e dalle botteghe artigiane medievali, tuttavia è divenuto un metodo standard durante il Rinascimento, in particolar modo in Italia.

L’imprimatura non solo fornisce a un dipinto una generale unità tonale visiva ma è utile anche nei primi stadi di un’opera poiché aiuta il pittore a stabilire le giuste relazioni tra ombre e luce. Essa è più utile nell’approccio classico della pittura indiretta dove il disegno e il sottostrato vengono stabiliti prima e successivamente lasciati seccare. Gli strati successivi di colore vengono applicati con tonalità trasparenti o semitrasparenti. Va posta attenzione a non coprire completamente l’imprimatura cosicché sia visibile attraverso gli strati finali del dipinto. Questo risulta efficace in particolar modo nelle aree di ombra e semiombra dell’opera. L’imprimatura viene fatta solitamente con un color terra come la Terra di Siena e spesso viene diluita con la trementina.

Oggigiorno i pittori, salvo eccezioni, prediligono generalmente imprimiture bianche e l’industrializzazione dei materiali per belle arti ha fornito e reso d’uso comune nuove imprimiture a base di resine acriliche.

In generale, tutti i primer permettono una migliore adesione del colore, impedendo lo spandersi del colore, che spesso lascia macchie vuote quando usato direttamente sul materiale originale. Quando si lavora su miniature di peltro o altro materiale metallico, è fondamentale applicare il primer a causa del basso coefficiente di adesione che i colori hanno su questo materiale.

Il primer viene utilizzato in modellismo come copertura per le miniature e in altri campi grafici come l’aerografia. In entrambi i casi il primer, che può variare di colore, serve a coprire il colore originale e a dare particolari effetti ai colori sovrastanti.

Nel modellismo, il primer viene usato come coprente per lo strato originale della miniatura (plastica o peltro) e può variare sia nel colore che nello scopo:

  • Il primer nero permette di creare ombre e di inscurire i colori, creando ombreggiature naturali quando usato con i colori meno liquidi.
  • Il primer bianco viene utilizzato da alcuni pittori nel modellismo fantasy perché permette di accentuare la lucentezza dei colori a discapito della realisticità delle ombre
  • Esistono anche altri tipi di primer, spesso trasparenti e lucidi, che portano a una migliore presa dei colori, usati in particolare quando si pittura con colori a olio.

Nell’aerografia, il primer è spesso nero e applicato con composti diversi a differenza di quanto si fa con le miniature e serve a coprire il colore sottostante, mettendo in risalto le successive mani evitando miscugli di sovrapposizione, e a far fissare meglio il colore conferendogli effetti d’ombra.

Fonte: Wikipedia



Categorie:D20.02- Pittura - Painting, Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

ESTETICA ORGANICA- PER UNA TEORIA DELLE ARTI

ORGANIC AESTHETICS - FOR A THEORY OF THE ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS LIVE

Sonus Online Music Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: