Festa dei campanacci nel Carnevale di San Mauro Forte

2014-01-51011-jpg

Festa dei campanacci nel Carnevale di San Mauro Forte

basilicata_san_mauro_forte

San Mauro Forte, paese in provincia di Matera, ha origini molto antiche, come testimoniato dai numerosi ritrovamenti avvenuti sul territorio; in località Timponi è stata scoperta una costruzione risalente all’VIII secolo a.C. ed in località Priati alcune tombe del IV secolo a.C. L’attuale centro risale all’epoca normanna, presumibilmente al 1060, ed il suo nome deriva da un antico monastero benedettino intitolato a San Mauro intorno al quale si sviluppò l’abitato, che fu completamente fortificato; l’accesso al paese era garantito da quattro porte, una delle quali presente ancora oggi, mentre sul lato est fu costruita una torre a tre piani, situata in quella che oggi è la piazza principale. L’aggettivo Forte fu aggiunto successivamente al nome San Mauro per ricordare come il paese riuscì a respingere le bande di briganti dello spagnolo Borjes nel 1861. San Mauro Forte appartenne alla contea di Montescaglioso ed a partire dal ‘400 passò sotto il dominio degli Orsini Del Balzo prima, e successivamente dei Sanseverino, dei Carafa e dei Colonna. Nel 1751 San Mauro riuscì a liberarsi dal giogo feudale, quando fu riscattato da quattro acquirenti, già amministratori dei vecchi feudatari, che investiti del titolo di baroni si stabilirono in paese costruendovi le loro residenze all’interno delle mura medievali.

Campanacci “maschi” e campanacci “femmina”

La festa dei Campanacci a San Mauro Forte  comincia nel giorno della festa di Sant’Antonio Abate, protettore degli animali.  Il 16 gennaio si festeggia il carnevale con una sfilata spontanea di suonatori di campanacci. Diverse squadre di portatori di campanacci percorrono le vie del paese al suono rumoroso dei campanacci. Quelli più lunghi sono detti di sesso maschile, mentre quelli più larghi di sesso femminile. La festa di antiche origini, legata al culto di Sant’Antonio Abate ha significato apotropaico e propiziatorio di sollievo dai malanni e di abbondanza dei raccolti. La chiusura del carnevale si celebra con il funerale e il lamento funebre del fantoccio bruciato in piazza.I portatori di campanaccio si radunano nel centro del paese per poi muoversi in corteo disordinato, agitando campanacci di ogni misura. I “maschi” sono quelli con la base piuttosto stretta e il battacchio lungo, visibile dall’esterno. I campanacci “femmina” invece, sono più tondeggianti, base larga e battacchio tutto interno. E’ facile immaginare il riferimento sessuale. Il suono prodotto durante la passeggiata in paese è assordante, ma piacevole. Tutti i portatori agitano ritmicamente lo strumento e nel paese si diffonde tanta allegria.

Come in tutte le manifestazioni del mondo agricolo-pastorale, con questi suoni si vogliono scacciare gli influssi maligni sul raccolto e sugli animali. Insomma, si vogliono propiziare i favori della natura nei confronti dei lavoratori del mondo agro-pastorale. Si spiega in questo contesto la presenza di spighe sui cappelli dei portatori, che a volte sono ricavati dai rivestimenti di vecchie damigiane. E nel giorno di inizio del carnevale si comincia anche ad ammazzare il maiale. Il tempo atmosferico è quello giusto: freddo secco sulla collina materana, ben adatto per far asciugare bene le salsicce e le soppressate. Si ammazza il maiale. La scusa è buona: al povero animale si vuole associare il simbolo del male: meglio ammazzarlo. Trasformato in salumi dal sapore accattivante ad opera di mani esperte, non è poi così cattivo. Anzi. E lo sanno bene i sammauresi e tutti coloro che nei giorni della festa vengono a prendervi parte.

 


cropped-logo-promozionale-uno.jpg

© 2000-17 Tutti i diritti riservati  – © Copyright 2000-17 – Rights Reserved


Sede e Contatti – Location and Contacts: Antonio De Lisa
c/o LOST ORPHEUS MULTIMEDIA – Via del Popolo, 127/129

85100 POTENZA (ITALY) (0)39- 097137457 / Cell. 3333878854

Site: www.adelisa.it

E-mail: lostorpheusmedia@gmail.com
Logo Lost Orpheus Multimedia

Deposito opere presso la SIAE

Bollino

Le opere teatrali e musicali di Antonio De Lisa sono depositate presso la SIAE

Sezione Musica

Sezione Teatro – Sezione DOR (Opere Drammatiche e Radiotelevisive)


This work may not be re-sold, distributed, copied or transmitted in any other form without permission of the author.

© Copyright 2000-17 – Rights Reserved

Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.


 



Categorie:K07- Laboratorio: Maschere lucane, Uncategorized

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

TEATRO E RICERCA - THEATRE AND RESEARCH

Sito della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: