Testi e ascolti della Lezione #3: Progressive rock

Keith Emerson

Testi e ascolti della Lezione #3: Progressive rock

Locandina generale
Genesis

DA “FOXTROT” (1972)

Watcher Of The Skies

Watcher of the skies watcher of all
His is a world alone no world is his own,
He whom life can no longer surprise,
Raising his eyes beholds a planet unknown.

Creatures shaped this planet’s soil,
Now their reign has come to an end,
Has life again destroyed life,
Do they play elsewhere, do they know
more than their childhood games?
Maybe the lizard’s shed its tail,
This is the end of man’s long union with Earth.

Judge not this race by empty remains
Do you judge God by his creatures when they are dead?
For now, the lizard’s shed it’s tail
This is the end of man’s long union with Earth.

From life alone to life as one,
Think not now your journey’s done
For though your ship be sturdy,
No mercy has the sea,
Will you survive on the ocean of being?
Come ancient children hear what I say
This is my parting council for you on your way.

Sadly now your thoughts turn to the stars
Where we have gone you know you never can go.
Watcher of the skies watcher of all
This is your fate alone, this fate is your own.

Guardiano dei cieli

Guardiano dei cieli, guardiano di ogni cosa
Il suo è un mondo solitario, nessun mondo è il suo,
Colui la cui vita non può più sorprendere,
Alzando gli occhi scorge uno sconosciuto pianeta.

Creature hanno plasmato il suolo di questo pianeta,
Ora il loro regno è giunto alla fine,
La vita ha di nuovo distrutto la vita,
Agiscono ancora altrove? Conoscono forse
Qualcosa in più rispetto ai loro giochi d’infanzia?
Forse la lucertola ha perso la coda,
Questa è la fine della lunga unione dell’uomo con la terra.

Non giudicate questa razza da vuote rovine,
Giudicate forse Dio per le sue creature quando sono ormai morte?
Perché ora la lucertola ha perso la coda
Questa è la fine della lunga unione dell’uomo con la terra.

Da una vita solitaria a una vita come uno,
Non pensare che ora il tuo viaggio sia finito
Perché sebbene la tua nave sia robusta,
Il mare non ha alcuna pietà,
Sopravviverai nell’oceano dell’esistenza?
Venite anziani bambini a sentire cosa dico
Questo è il mio ultimo consiglio per te sulla tua strada.

Tristemente ora i tuoi pensieri si rivolgono alle stelle
Dove noi siamo andati sai che non potrai mai andare.
Guardiano dei cieli, guardiano di ogni cosa,
Questo è il tuo destino solitario, questo è il tuo destino.

Da “INVISIBLE TOUCH”(1986)

Land Of Confusion 

I must’ve dreamed a thousand dreams
Been haunted by a million screams
I can hear the marching feet
They’re moving into the street

Now did you read the news today
They say the danger’s gone away
But I can see the fire’s still alight
Burning into the night

Too many men
Too many people
Making too many problem
And there’s not much love to go round
Can’t you see

This is the land of confusion
This is the world we live in
And these are the hands we’re given
Use them and let’s start trying
To make is a place worth living in

Oh Superman where are you now
Everything’s gone wrong somehow
The men of steel, men of power
Are losing control by the hour

This is the time
This is the place
So we look for the future
But there’s not much love to go round
Tell me why, this is a land of confusion

This is the world we live in
And these are the hands we’re given
Use them and let’s start trying
To make is a place worth living in

I remember long ago –
When the sun was shining
The stars were bright
All through the night
And the sound of your laughter
As I held you tight

So long ago –
I won’t be coming home tonight
My generation will put it right
We’re not just making promises
That we know, we’ll never keep

Too many men
Too many people
Making too many problems
And there’s not much love to go round
Can’t you see
This is a land of confusion

This is the world we live in
These are the hands we’re given
Use them and let’s start trying
To make is a place worth fighting for

This is the world we live in
And these are the names we’re given
Stand up and let’s start showing
Just where our lives are going to

Terra di confusione

Devo aver fatto migliaia di sogni
Infestati da milioni di grida
Posso sentire il passo di marcia
Si stanno muovendo in strada.

Ora hai letto i giornali oggi
Dicono che il pericolo sia passato
Ma posso vedere il fuoco ancora acceso
Bruciare nella notte.

Troppi uomini
Troppa gente
Che crea troppi problemi
E non tanto amore per girare
Non vedi,
È questa una terra di confusione.

Questo è il mondo in cui viviamo
E queste sono le mani che ci sono state date
Usale e iniziamo a provare
A trasformarlo in un posto in cui valga la pena vivere.

Superman dove sei ora
Tutto è andato storto in qualche modo
Gli uomini di acciaio, gli uomini di potere
A breve perderanno il controllo.

Questo è il momento
Questo è il luogo
Così guardiamo al futuro
Ma non c’è tanto amore per girare
Dimmi perché, è una terra di confusione.

Questo è il mondo in cui viviamo
E queste sono le mani che ci sono state date
Usale e iniziamo a provare
A trasformarlo in un posto in cui valga la pena vivere

Mi ricordo tanto tempo fa
Quando il sole splendeva
Le stelle erano luminose
Per tutta la notte
E il suono della tua risata
Mentre ti tenevo stretta
Così tanto tempo fa

Non tornerò a casa stasera
La mia generazione lo sistemerà
Non faremo promesse
Che sappiamo non manterremo mai.

Troppi uomini
Troppa gente
Che crea troppi problemi
E non tanto amore per girare
Non vedi,
È una terra di confusione

Questo è il mondo in cui viviamo
E queste sono le mani che ci sono state date
Usale e iniziamo a provare
A trasformarlo in un posto per cui valga la pena combattere

Questo è il mondo in cui viviamo
E questi sono i nomi che ci sono stati dati
Alziamoci ed iniziamo a dimostrare
Dove vogliam indirizzare le nostre vite.

 


King Crimson

Da “IN THE COURT OF THE CRIMSON KING” (1969)

 

21st Century Skizoid Man

Cat’s foot iron claw
Neuro-surgeons scream for more
At paranoia’s poison door.
Twenty first century schizoid man.

Blood rack barbed wire
Politicians’ funeral pyre
Innocents raped with napalm fire
Twenty first century schizoid man.

Death seed blind man’s greed
Poets’ starving children bleed
Nothing he’s got he really needs
Twenty first century schizoid man.

Lo schizoide del 21° secolo

Zampa di gatto, artiglio d’acciaio
Neurochirurghi ne chiedono ancora
Alla porta avvelenata della paranoia
Lo schizoide del ventunesimo secolo

Sangue, tortura, filo spinato
La pira funeraria dei politici
Innocenti violentati dal fuoco del napalm
Lo schizoide del ventunesimo secolo

Seme della Morte, avidità del cieco
Poeti muoiono di fame, bambini sanguinano
Non c’è niente che possieda di cui abbia davvero bisogno
Lo schizoide del ventunesimo secolo


 

The Court of the Crimson King

The rusted chains of prison moons
Are shattered by the sun.
I walk a road, horizons change
The tournament’s begun.
The purple piper plays his tune,
The choir softly sing;
Three lullabies in an ancient tongue,
For the court of the crimson king.

The keeper of the city keys
Put shutters on the dreams.
I wait outside the pilgrim’s door
With insufficient schemes.
The black queen chants
the funeral march,
The cracked brass bells will ring;
To summon back the fire witch
To the court of the crimson king.

The gardener plants an evergreen
Whilst trampling on a flower.
I chase the wind of a prism ship
To taste the sweet and sour.
The pattern juggler lifts his hand;
The orchestra begin.
As slowly turns the grinding wheel
In the court of the crimson king.

On soft gray mornings widows cry
The wise men share a joke;
I run to grasp divining signs
To satisfy the hoax.
The yellow jester does not play
But gentle pulls the strings
And smiles as the puppets dance
In the court of the crimson king.

La corte del Re Cremisi

Le catene arrugginite dei mesi della prigione
Sono distrutte dal sole.
Percorro una strada, gli orizzonti cambiano
Il torneo è cominciato
Il pifferaio purpureo suona la sua melodia
Il coro canta dolcemente
Tre ninne-nanne in un linguaggio antico
Per la corte del Re Cremisi.

Il custode delle chiavi della città
Ha posto delle saracinesche sui sogni
Aspetto fuori dalla porta del pellegrino
Con progetti insufficienti
La Regina Nera canta
La marcia funebre
Le campane d’ottone incrinate suoneranno
Per rievocare la Strega del Fuoco
Alla corte del Re Cremisi.

Il giardiniere pianta un sempreverde
Calpestando un fiore
Inseguo il vento di una nave a forma di prisma (???)
Per assaggiare il dolce e l’aspro
Il bravo giocoliere solleva la sua mano
L’orchestra comincia
Mentre gira lentamente la mola
Nella corte del Re Cremisi.

Nelle grigie mattine le vedove piangono
I saggi si scambiano una battuta
Io corro per afferrare segni premonitori
Per restituire lo scherzo
Il menestrello giallo non suona
Ma tira gentilmente le corde
E sorride mentre i burattini ballano
Nella corte del Re Cremisi.


Traffic

Da “JOHN BARLEYCORN MUST DIE” (1970)

John Barleycorn

There were three men came out of the West, their fortunes for to try
And these three men made a solemn vow
John Barleycorn must die
They’ve plowed, they’ve sown, they’ve harrowed him in
Threw clods upon his head
And these three men made a solemn vow
John Barleycorn was dead
They’ve let him lie for a very long time,’til the rains from heaven did fall
And little Sir John sprung up his head and so amazed them all
They’ve let him stand ‘til Midsummer’s Day ‘til he looked both pale and wan
And little Sir John’s grown a long long beard and so become a man
They’ve hired men with their scythes so sharp to cut him off at the knee They’ve rolled him and tied him by the way, serving him most barbarously
They’ve hired men with their sharp pitchforks who’ve gripped him to the heart
And the loader he has served him worse than that
For he’s bound him to the cart
They’ve wheeled him around and around a field ‘til they came onto a barn
And there they made a solemn oath on poor John Barleycorn
They’ve hired men with their crabtree sticks to cut him skin from bone
And the miller he has served him worse than that
For he’s ground him between two stones
And little Sir John and the nut brown bowl and his brandy in the glass
And little Sir John and the nut brown bowl proved the strongest man at last
The huntsman he can’t hunt the fox nor so loudly to blow his horn
And the tinker he can’t mend kettle or pots without a little barleycorn

John Barleycorn

C’erano tre uomini che venivano da occidente, per tentare la fortuna
E questi tre uomini fecero un solenne voto
John Barleycorn deve morire
Avevano arato, avevano seminato, avevano dissodato
E avevano gettato zolle di terra sulla sua testa
e questi tre uomini fecero un solenne voto
John Barleycorn era morto
lo lasciarono giacere per un tempo molto lungo, fino a che scese la pioggia dal cielo
e il piccolo sir John tirò fuori la sua testa e lasciò tutti di stucco
loro l’avevano lasciato steso fino al giorno di mezza estate e fino ad allora lui era sembrato pallido e smorto
e al piccolo Sir John crebbe una lunga lunga barba e così divenne un uomo
loro avevano assoldato uomini con falci veramente affilate per tagliargli via le gambe
l’avevano avvolto e legato tutto attorno, trattandolo nel modo più brutale
avevano assoldato uomini con i loro forconi affilati che avevano conficcato nel (suo) cuore
e il carrettiere lo trattò peggio di così
perché lo legò al carro
e andarono con il carro tutto intorno al campo finché arrivarono al granaio
e fecero un solenne giuramento sul povero John Barleycorn
assoldarono uomini con bastoni uncinati per strappargli via la pelle dalle ossa
e il mugnaio lo trattò peggio di così
perché lo pressò tra due pietre
e il piccolo Sir John con la sua botte di noce e la sua acquavite nel bicchiere
e il piccolo sir John con la sua botte di noce dimostrò che era l’uomo più forte dopo tutto
il cacciatore non può suonare il suo corno così forte per cacciare la volpe.

 


Jethro Tull

da “AQUALUNG” (Chrysalis – 1971)


Van Der Graaf Generator

da “H TO HE, WHO AM THE ONLY ONE” (Charisma – 1970)

Killers

So you live in the bottom of the sea,
And you kill all that come near you ….
But you are very lonely, because all the other fish
Fear you …..
And you crave companionship and someone to call your own;
Because for the whole of your life you’ve been living alone.

Killers

Tu vivi nel fondo del mare
ed uccidi tutto quello che ti si accosta
ma sei molto solo, perché tutti gli altri pesci
ti temono …
e tu vorresti fortemente una compagnia e qualcuno che cercasse proprio te
perché hai vissuto tutta la tua vita da solo

On a black day in black month
At the black bottom of the sea,
Your mother gave birth to you and died
Immediately ….
‘Cos you can’t have two killers living in the same pad
And when your mother knew that her time had come
She was really rather glad.
Un nero giorno di un nero mese
nel nero profondo del mare
tua madre ti ha dato alla luce ed è morta
subito dopo
perché non è possibile per due assassini vivere nello stesso posto
e quando tua madre ha saputo che il suo tempo era giunto
era in realtà veramente felice
Death in the sea, death in the sea,
Somebody please come and help me, come and help me
Fishes can’t fly, fishes can’t fly,
Fishes can’t and neither can I, neither can I ….
Morte nel mare, morte nel mare
qualcuno venga e mi aiuti, per favore
i pesci non possono volare, i pesci non possono volare
i pesci non possono e neanche io …
Now I’m really rather like you,
For I’ve killed all the love I ever had
By not doing all I ought to and by leaving my mind coming
Bad.
And I too am a killer, for emotion runs as deep as flesh
And I too am so lonely, and I wish that I could forget
We need love,
We need love,
We need love ……….
Ora, io in realtà sono come te
perché ho ucciso tutto l’amore che ho ricevuto sinora
non facendo quello che avrei dovuto fare e lasciando che la mia mente andasse a male
e anche io sono un assassino, perché il sentimento va in profondità
e anche io sono così solo, e desidero quello che potrei perdere
abbiamo bisogno di amore …

 


Emerson, Lake & Palmer

da “TARKUS” (Island – 1971)

 

Tarkus

Eruption

Tarkus

Eruzione

Da un uovo, posto ai piedi di un vulcano in eruzione, nasce Tarkus, una creatura metà armadillo, metà carro armato della Prima Guerra Mondiale, il cui unico scopo è combattere.

(Instrumental) (Strumentale)

Stones of Years

Pietre degli anni

“Non capisci quanto è stupido combattere?”
Has the dawn ever seen your eyes?
Have the days made you so unwise?
Realize, you are.
Have you talked to the winds of time,
Then you’d know how the waters rhyme.
Taste of wine,
How can you know where you’ve been?
In time you’ll see the sign,
And realize your sin.Will you know how the seed is sown?
All your time have been overgrown,
Never known.
Have you walked on the stones of years?
When you speak, is it you that hears?
Are your ears full?
You can’t hear anything at all.
L’alba ha mai visto i tuoi occhi?
I giorni ti hanno reso così stolto?
Rénditene conto, lo sei.
Hai parlato con i venti del tempo?
Allora sai come l’acqua diventa poesia
Ha il sapore del vino
Come puoi sapere dove sei stato?
Col tempo vedrai il segno
E capirai il tuo peccatoSaprai come si pianta il seme?
Il tuo tempo è cresciuto troppo (???)
Mai saputo
Hai camminato sulle pietre del tempo?
Quando parli, sei tu quello che sente?
Le tue orecchie sono otturate?
Non senti proprio niente

Iconoclast

Iconoclasta

Tarkus vaga per il mondo sfidando e sconfiggendo svariate creature.
(instrumental) (Strumentale)

Mass

Messa

“Non riesci a vedere l’ipocrisia nel mondo?”
Stregati dal potere, i clerici hanno dimenticato il loro ruolo.
The preacher said a prayer,
Save every single hair on his head.
He’s dead.
The minister of hate had just arrived too late to be spared.
Who cared?
The weaver in the web that he made!The pilgrim wandered in,
Commiting every sin that he could
So good…
The cardinal of grief was set in the belief he’d be saved
From the grave
The weaver in the web that he made!The high priest took a blade
To bless the ones that prayed,
And all obeyed.
The messenger of fear is slowly growing, nearer to the time,
A sign.
The weaver in the web that he made!A bishop rings a bell,
A cloak of darkness fell across the ground,
Without a sound!
The silent choir sing and in their silence bring jaded sound,
Harmonic ground.
The weaver in the web that he made!
Il predicatore disse una preghiera
Che si salvassero tutti i capelli che aveva in testa
E’ morto
Il ministro dell’odio è arrivato un attimo troppo tardi per essere risparmiato
A chi è importato?
Il tessitore nella rete che lui stesso ha fatto!Il pellegrino fece una capatina
Commettendo tutti i peccati che poteva
Bene
Il cardinale del patema era convinto sarebbe stato salvato
Dalla tomba
Il tessitore nella rete che lui stesso ha fatto!L’alto prelato prese una spada
Per benedire coloro che pregavano
E tutti obbedirono
Il messaggero della paura sta crescendo lentamente, più vicino al tempo
Un segno
Il tessitore nella rete che lui stesso ha fatto!Un vescovo suona una campana
Un velo di oscurità cadde sulla terra
Senza un suono
Il coro silenzioso canta e la sua presenza porta un suono di giada
Terreno armonico
Il tessitore nella rete che lui stesso ha fatto!

Manticore

Manticora

La Manticora, il peggior nemico di Tarkus. Una creatura mitologica con il corpo di un leone, coperto di aculei come un porcospino, la coda di uno scorpione e una testa umana. La Manticora insegue senza sosta Tarkus fino ad affrontarlo nello scontro finale.
(Instrumental) (Strumentale)

The Battlefield

Il campo di battaglia

“Che cosa hai ottenuto da tutto questo?”
La Manticora sconfigge Tarkus e lo mette in fuga
Clear the battlefield and let me see
All the profit from our victory.
You talk of freedom, starving children fall.
Are you deaf when you hear the season’s call?Were you there to watch the earth be scorched?
Did you stand beside the spectral torch?
Know the leaves of sorrow turned their face,
Scattered on the ashes of disgrace.Every blade is sharp; the arrows fly
Where the victims of your armies lie.
Where the blades of grass and arrows rain
Then there will be no sorrow,
Be no pain.
Pulisci il campo di battaglia e fammi vedere
Tutto il profitto che viene dalla nostra vittoria
Parli di libertà, bambini muoiono di fame
Sei sordo quando senti il richiamo della stagione?Eri lì a vedere la terra che veniva bruciata?
Sei stato accanto alla torcia spettrale?
Sai che le foglie del dolore si sono rovesciate
Sparse sulle ceneri della disgraziaOgni lama è affilata, le frecce volano
Là dove giacciono le vittime delle tue armate
Là dove piovono frecce e fili d’erba
Non ci sarà pena
Non ci sarà dolore

Aquatarkus

Aquatarkus

Nella sua fuga Tarkus, nato nel fuoco, cerca rifugio nelle acque del mare, in cui affonda e scompare…
(Instrumental)


(Strumentale)

Yes

da “FRAGILE” (1972)

Roundabout

I’ll be the round about
the words will make you out ‘n’ out
you change the day your way
call it morning driving thru the sound and in and out the valley

The music dance and sing
they make the children really ring
I spend the day your way
call it morning driving thru the sound and in and out the valley

In and around the lake
mountains come out of the sky and they stand there
one mile over we’ll be there and we’ll see you
ten true summers we’ll be there and laughing too
twenty four before my love you’ll see I’ll be there with you

I will remember you
your silhouette will charge the view
of distance atmosphere
call it morning driving thru the sound and even in the valley

Along the drifting cloud the eagle searching down on the land
catching the swirling wind the sailor sees the rim of the land
the eagles dancing wings create as weather spins out of hand
go closer hold the land feel partly no more than grains of sand
we stand to lose all time a thousand answers by in our hand
next *to* your deeper fears we stand
surrounded by a millions years.

Girotondo
Io sarò il girotondo
le parole ti porteranno sempre più fuori
Io passo il mio giorno nel tuo cammino
evocandone il mattino guidando attraverso il suono
dentro e fuori la vallata.La musica danza e suona
essi conducono i bambini in cerchio
Io passo il mio giorno nel tuo cammino
evocandone il mattino guidando attraverso il suono
dentro e fuori la vallata.Tutt’intorno al lago
le montagne escono dal cielo e loro
Stanno là un miglio dopo noi saremo là e vi vedremo
in dieci vere estati noi saremo là
ridendo pure ventiquattro ore prima del mio amore vedrai che io
sono là con te.Io ti ricorderò
il tuo profilo colmerà il panorama
di distanti atmosfere
evocandone il mattino guidando attraverso il suono
dentro e fuori la vallataattraverso le nubi cangianti l’aquila cerca
giù sulla terra
inseguendo il vorticoso vento il marinaio vede
la sponda della terra
le ali delle aquile, danzando, creano come
cerchi irraggiungibili
rimaniamo tutto il tempo fermi perdendo un
migliaia di risposte dalle nostre mani
vicino alle tue più profonde paure noi ci troviamo
circondati da un milione di anni.

 

 


Tangerine dream 

Stratosfear


Gentle Giant

da ” GENTLE GIANT” (vertigo 1970)

Giant

The birth of a realisation;
The rise of a high expectation;
Emerging successful, defiant;
Together the parts make a Giant.

See the world in the palm of his hand,
Striding steps that will cover the land.
He is coming;
Hear him coming;
Are you ready
For his being?
See the Giant
Feel the Giant
Touch the Giant
Hear the Giant.

The birth of a realisation;
The rise of a high expectation;
Emerging successful, defiant;
Together the parts make a Giant.

Gigante

La nascita di una presa di coscienza
Il sorgere di una grande aspettativa
L’emergere con successo, con aria di sfida
Insieme le parti formano un Gigante

Guarda il mondo stando nel palmo della sua mano
Facendo passi tanto grandi da coprire la terra
Lui sta arrivando
Sentilo che arriva
Sei pronto
Per esso?
Guarda il Gigante
Senti il Gigante
Tocca il Gigante
Ascolta il Gigante

La nascita di una presa di coscienza
Il sorgere di una grande aspettativa
Il successo emergente, con aria di sfida
Insieme le parti formano un Gigante


Pink Floyd

Da “THE DARK SIDE OF THE MOON” (Harvest – 1973)

 

 

da “ATOM HEART MOTHER” (Harvest – 1970)

da “WISH YOU WERE HERE” (Harvest – 1975)

Logo Scritture- 2_modificato-2

Sede e Contatti – Location and Contacts:

Antonio De Lisa

c/o LOST ORPHEUS MULTIMEDIA

Via del Popolo, 127/129
85100 POTENZA (ITALY)

(0)39- 097137457 / Cell. 3333878854

Site: www.adelisa.it

E-mail: lostorpheusmedia@gmail.com

This work may not be re-sold, distributed, copied or

transmitted in any other form without permission of the author.

© Copyright 2000-16 – Rights Reserved

Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License..



Categorie:M01- Lezioni di musica rock, pop e jazz - Lessons of Rock, Pop and Jazz Music, Uncategorized

1 reply

Trackbacks

  1. Lezioni di musica Rock, Pop e Jazz con il Lost Orpheus Ensemble – Antonio De Lisa – Scritture / Writings

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

Storia delle Maschere e del Teatro popolare - Masks and Popular Theatre

Museo virtuale delle maschere e del teatro popolare

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

TEATRO E RICERCA - THEATER AND RESEARCH

Sito di approfondimento e studio della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: